il mio cane non mangia cosa posso fare?

Il mio cane non mangia, cosa posso fare?

“Fido non mangia. E’ sempre stato un cane con un buon appetito, è solito divorare scatolette di umido e croccantini in 5 secondi netti eppure sono giorni che lascia il cibo nella ciotola, lo odora e se ne va o peggio ancora lo vomita. Cosa posso fare?”

Ecco, questo potrebbe essere l’inizio di una qualsiasi delle centinaia di telefonate giornaliere che riceve normalmente un veterinario intento a calmare il padrone che dietro la cornetta è già andato nel panico totale.

Vogliamo bene ai nostri pelosetti ed è inevitabile che scatti subito un campanello d’allarme quando li vediamo comportarsi in maniera differente dal solito.

Ma puoi rilassarti: il problema del cane che mangia poco è molto comune in realtà e dipende da numerose e varie cause. La maggior parte delle volte si tratta di una situazione temporanea, facilmente risolvibile ma può anche essere spia di qualcosa di più grave.

L’importante è tenere sott’occhio Fido e intervenire se si nota qualcosa di strano.

Il mio cane non mangia: quali sono le motivazioni?

Perchè Fido non mangia? Le risposte a questa domanda possono essere potenzialmente infinite. Partiamo dalle più semplici: le condizioni climatiche. Può sembrare superfluo dirlo ma il cambio di stagione influisce non solo sul manto del nostro amico a quattro zampe, ma anche sul suo livello di appetito. E’ normale se nelle calde e torride giornate estive il cane preferisca mangiare solo alla sera, quando le temperature diminuiscono di qualche grado.

Anche gli ormoni possono influenzare l’appetito, addirittura i maschi a volte smettono di mangiare del tutto mentre le femmine diminuiscono drasticamente il quantitativo di cibo ingerito.

Un’altra casistica che si presenta spesso è relativa all’eccesso di cibo procurato dal padrone. Capita spesso infatti che le tabelle riportate sulle confezioni di croccantini siano errate e le quantità consigliate per un determinato peso siano in realtà eccessive.

Ogni taglia ha il proprio metabolismo, non possiamo aspettarci che un barboncino mangi quanto un labrador!

Quando preoccuparsi

Ci sono però dei casi in cui l’inappetenza si protrae per più giorni e si somma ad altre manifestazioni di malessere: al cane non va di giocare, di muoversi, sonnecchia tutto il giorno oppure si verificano più episodi di dissenteria. Se questa situazione va avanti ormai da 3-4 giorni è il caso di sentire il veterinario e magari prendere appuntamento per una visita.

Purtroppo sono molto numerose le patologie che possono manifestarsi con l’inappetenza , e possono essere sia di origine fisica che psicologica, come ad esempio il cambio dell’ambiente in cui vive o l’allontanamento di un membro del nucleo familiare.

Tra le malattie del cane più comuni che danno inappetenza ci sono:

  • Infezioni;
  • Cancro;
  • problemi al fegato;
  • insufficienza renale;
  • problemi al fegato;

Infine è necessario fare una precisazione: c’è una grande differenza tra un cane che mangia poco e uno che invece digiuna. Se nel primo caso è sufficiente monitorare la situazione per qualche giorno, al contrario se il digiuno totale dura più di 24 ore è necessario chiamare immediatamente il veterinario di fiducia.

Come fare se il barboncino non mangia croccantini o non mangia dalla ciotola

Appurato che il cane non soffra di qualche patologie, si possono adottare svariati trucchetti per spingerlo a cibarsi, ad esempio a volte il tuo barboncino potrebbe non voler mangiare i croccantini.

Il passo più semplice è ovviamente variare la marca o il gusto dei croccantini. Molti cani tendono a stancarsi facilmente e il problema potrebbe risolversi non appena si cambia il sapore del cibo. E’ importante che il cambio sia fatto gradualmente, mescolando per qualche giorno i nuovi e i vecchi croccantini nello stesso pasto altrimenti l’intestino potrebbe andare incontro ad un processo infiammatorio.

Inoltre può essere utile stabilire una routine e proporgli la ciotola due volte al giorno, alla mattina e alla sera, e lasciarla a sua disposizione per 10 minuti.

Se passato questo arco di tempo Fido non mangia, togli la ciotola e riproponigliela più tardi. Bada bene a non aggiungere altri alimenti più saporiti, finiresti per ottenere l’effetto contrario ed essere tu manipolato da quel muso furbo!

Un errore molto comune nei padroni ormai “disperati” è somministrare snack succulenti, dai sapori più desiderabili ma sicuramente meno sani dal punto di vista nutrizionale. Il tuo barboncino è come un bambino: desidera quello che è più buono e se nella sua mente si instaura l’associazione “non mangio allora mi da quel buonissimo snack”, beh puoi anche dimenticarti che tornerà a mangiare la sua pappa!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *